Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio John Cardim Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio John Cardim Gesuita

.

Torre de Moncorvo, Braganša, Portogallo, 2 giugno 1585 -Braga, Portogallo, 18 febbraio 1615

Ammesso tra i Gesuiti dopo la sua ordinazione sacerdotale del 1611, frequentava regolarmente gli ospedali e le prigioni della città di Braga in Portogallo. Oltre ad andare nei quartieri periferici per insegnare ai contadini, divenne l’amico dei poveri, dei malati e dei bisognosi. Tra i resoconti biografici si riporta che al momento della morte, apparve a sua madre alla quale disse: “Rallegrati, madre, perché ora vado a godere della visione di Dio; Ti devo gran parte della mia presente felicità per le sante lezioni che mi hai insegnato”.
 



Giovanni (João) Cardim nacque il 2 giugno 1585 a Torre de Moncorvo in Portogallo. Era il maggiore di dieci figli.
La sua era una famiglia credente, dove grazie all’educazione religiosa ben nove figli divennero religiosi.
Giovanni già a tredici anni recitava tutti i giorni il rosario e l'ufficio della Madonna e quotidianamente leggeva le vite dei santi. Inoltre più volte durante la settimana radunava le persone e i domestici che lavoravano in famiglia, per insegnare loro il catechismo.
Fece i suoi primi studi presso i Gesuiti al Collegio di Sant'Antonio di Lisbona, e a quindici anni iniziò a frequentare l'Università di Coimbra.
Anche se era di fragile salute, il suo desiderio era quello di diventare gesuita per seguire le orme di tre suoi zii.
Sperando di diventare sacerdote, frequentò i corsi di diritto canonico e civile.
“Sebbene talentuoso – riportano le cronache - e di successo negli studi, sentiva che non sarebbe mai stato felice se non fosse stato religioso”.
Devoto della vergine Maria, alla Madonna chiese che venisse esaudito il suo desiderio di diventare gesuita.
Presentatosi davanti al superiore dei gesuiti ne chiese l’ammissione come fratello, anche se questi aveva il dubbio che Giovanni per motivi di salute non sarebbe resistito tra i rigori della vita religiosa.
Ma Giovanni senza perdersi d’animo gli disse: “Non c'è bisogno di aver paura. Dio mi ha dato un corpo sufficientemente robusto per sopportare tali penitenze». Dopo queste parole il superiore acconsentì a Giovanni l’entrata tra i gesuiti dopo aver terminato gli suoi studi per diventare sacerdote.
Giovanni Cardim è stato ordinato sacerdote nel 1611 e il 23 giugno venne ammesso tra i novizi a Coimbra.
In quella condizione Giovanni due volte la settimana, insegnava catechismo ai bambini poveri. L’anno successivo, nel 1612 partì per Braga per finire i suoi studi di filosofia.
In quella città frequentava regolarmente gli ospedali e le prigioni della città e andava anche nei quartieri periferici per insegnare ai contadini.  Divenne l’amico dei poveri, dei malati e dei bisognosi.  Padre Giovanni è ricordato come un gesuita che quando andava per strada veniva fermato dalla gente che  gli permetteva di proseguire solo dopo averlo ascoltato parlare di Dio.
Purtroppo, solo dopo quattro anni dalla sua consacrazione religiosa, ammalatosi di pleurite, il 16 febbraio 1615, morì in concetto di santità.
Tra i resoconti biografici si riporta che al momento della morte, apparve a sua madre alla quale disse: “Rallegrati, madre, perché ora vado a godere della visione di Dio; Ti devo gran parte della mia presente felicità per le sante lezioni che mi hai insegnato”.
Dopo la sua morte crebbe la fama di santità di padre Giovanni Cardim tanto che si registrarono innumerevoli grazie ottenute attraverso la sua intercessione. La venerazione per padre Cardim da parte della gente era tale che i gesuiti portoghesi promossero la sua causa di beatificazione, che purtroppo s’interruppe con la soppressione della Compagnia, tra gli anni 1773 e 1814.
Solo nel 1972 i vescovi portoghesi decisero di riavviare la causa di Beatificazione di padre Giovanni Cardim.
Il transunto del processo informativo è stato presentato alla Congregazione delle Cause dei santi il 29 novembre 1972.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-09-01

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità